Il coraggio di essere idiota. La felicità secondo Dostoevskij

Siamo lieti di presentare il libro di Il coraggio di essere idiota. La felicità secondo Dostoevskij, scritto da Igor Sibaldi. Scaricate il libro di Il coraggio di essere idiota. La felicità secondo Dostoevskij in formato PDF o in qualsiasi altro formato possibile su secchiarapita.it.
AUTORE
Igor Sibaldi
ISBN
9788804686583
DATA
2018
Secchiarapita.it Il coraggio di essere idiota. La felicità secondo Dostoevskij Image

DESCRIZIONE

I grandi autori sono, da sempre, esperti della felicità: ogni romanzo memorabile racconta di qualcuno che prova a essere felice e che perciò comincia a vivere una storia straordinaria. Per i cercatori di felicità le convenzioni sociali, i doveri morali, le ambizioni di cui tanti si accontentano si trasformano in limiti da superare: il mondo intero diventa troppo stretto. Così è per il protagonista de L'idiota di Dostoevskij: un giovane principe che a tutti appare ingenuo, ma che in realtà vuole soltanto insegnare a non opporsi ai propri desideri più luminosi. Nulla è più rivoluzionario della felicità, secondo Dostoevskij. E nulla è più tenace della paura di conquistarla. Di questa paura, Dostoevskij indaga le cause più profonde e i modi per vincerla, scoprendo una nuova ottica secondo cui intendere l'evoluzione dell'umanità. Igor Sibaldi narra come avvenne questa ricerca, fin dove giunse e cosa occorre per proseguirla oggi.

SCARICARE LEGGI

Libro Il coraggio di essere idiota - I. Sibaldi ...

Ed è proprio questa paura che indaga Dostoevskij nei suoi romanzi e mostra come sia possibile vincerla. Della concezione della felicità di Dostoevskij parla "Il coraggio di essere idiota" (Mondadori), il nuovo libro dello scrittore e saggista Igor Sibaldi.

Il coraggio di essere idiota. La felicità secondo Dostoevskij

Così è per il protagonista de L'idiota di Dostoevskij: un giovane principe che a tutti appare ingenuo, ma che in realtà vuole soltanto insegnare a non opporsi ai propri desideri più luminosi. Nulla è più rivoluzionario della felicità, secondo Dostoevskij. E nulla è più tenace della paura di conquistarla.