«Se avremo la fortuna di tornare». Lettere di guerra al cardinal Maffi (1915-1918)

Leggi il libro di «Se avremo la fortuna di tornare». Lettere di guerra al cardinal Maffi (1915-1918) direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di «Se avremo la fortuna di tornare». Lettere di guerra al cardinal Maffi (1915-1918) in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su secchiarapita.it.
AUTORE
Giovanni Cavagnini
ISBN
9788840017617
DATA
2014
Secchiarapita.it «Se avremo la fortuna di tornare». Lettere di guerra al cardinal Maffi (1915-1918) Image

DESCRIZIONE

La Grande Guerra evoca immagini di violenza e morte come poche esperienze nella storia dell'umanità. Non diversamente dagli altri popoli in lotta, anche gli italiani dovettero affrontare anni di lutti continui e sofferenze inimmaginabili. Le lettere raccolte in questo volume, provenienti dagli archivi del cardinale di Pisa Pietro Maffi, gettano luce sul modo in cui civili e militari, chierici e laici, uomini e donne vissero e giudicarono il dramma della guerra. Le voci levatesi da ospedali, trincee, caserme, parrocchie e centri sparsi in tutta la penisola, nonché dai campi di prigionia degli Imperi Centrali, formano un coro discorde, in cui non mancano i nazionalisti esaltati; la maggioranza rimase però sorda alle ragioni della propaganda e attese con rassegnazione il ritorno della pace. In questo rifiuto di ribellarsi si misura il successo della chiesa cattolica, impegnata a soccorrere i bisognosi ma anche a inculcare nelle masse i principi di obbedienza e disciplina.

SCARICARE LEGGI

«Se avremo la fortuna di tornare». Lettere di guerra al ...

Se avremo la fortuna di tornare : lettere di guerra al cardinal Maffi (1915-1918) Soeur Marie-Marthe Chambon de la Visitation Sainte-Marie de Chambéry et les saintes plaies de N.-S. J.-C. Gli sparvieri.

Se Avremo La Fortuna Di Tornare . Lettere Di Guerra Al ...

Lo scoppio della Prima guerra mondiale divide l'Italia tra gli interventisti, che spingono per entrare in guerra contro l'impero austriaco e completare l'unificazione nazionale con la conquista di Trento e Trieste, e i neutralisti. Serra interviene sul tema con il suo testo, scritto a Cesena dal 20 al 25 marzo 1915.