Riziero e il gioco dei tarocchi

Leggi il libro di Riziero e il gioco dei tarocchi direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Riziero e il gioco dei tarocchi in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su secchiarapita.it.
AUTORE
Fabrizio Battistelli
ISBN
9788868302863
DATA
2015
Secchiarapita.it Riziero e il gioco dei tarocchi Image

DESCRIZIONE

Che cosa hanno in comune le speculazioni immobiliari di un cardinale, l'assassinio di un giornalista incline ai ricatti, un eccidio di ragazze nei Balcani, lo sbarco di un misterioso natante sulle coste laziali, gli intrighi politico-religiosi ai confini orientali d'Europa? In comune hanno lui, Riziero di Pietracuta, temerario e affascinante agente del papa, impegnato ad affrontare una folla di spietati avversari: politici senza scrupoli, prelati corrotti, efferati criminali. Facendo base in una Roma di incontaminata bellezza, nove storie si dipanano in una corsa ai quattro angoli del continente, dalla Magliana alla Bosnia, dalla Romagna a Praga, dalle Ardenne all'Ucraina, accompagnate dal galoppo dei cavalli e dagli scossoni delle carrozze. Sì perché, in uno spaesamento temporale da vertigine, le lotte, i delitti, gli scandali, gli amori di oggi sono già accaduti nel 1740: identici nei moventi, soltanto più eleganti nell'aspetto.

SCARICARE LEGGI ONLINE

tarocchi e libro in vendita | eBay

FONDAZIONE SAN MARINO OSPITA L'AUTORE FABRIZIO BATTISTELLI PER LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "RIZIERO E IL GIOCO DEI TAROCCHI" EVENTO COLLATERALE ALLA MOSTRA "INCANTO DEL QUASI" PERSONALE DEL MAESTRO ANTONIO SALIOLA A PALAZZO S.U.M.S. "L'ineludibile giardino segreto", Antonio Saliola 2015 cm. 100x100 San Marino, 29 agosto 2015 Nella giornata di ieri,…

Amazon.it: Riziero e il gioco dei tarocchi - Fabrizio ...

I tarocchi sono un mazzo di carte da gioco, generalmente composto da 78 carte utilizzate per giochi di presa, la cui origine risale alla metà del XV secolo nell'Italia settentrionale. I tarocchi si diffusero in varie parti d'Europa e raggiunsero il periodo di maggior diffusione tra il XVII e il XVIII secolo.